Profilo bloglovin Profilo Pinterest Profilo Google + Canale Youtube Profilo Instagram Profilo twitter Profilo Facebook

L’ombretto: la scelta del colore

Pubblicato il: 1 marzo 2011 | Commenti 1

La stesura dell’ombretto è una delle fasi più importanti del make up, in quanto determinante  per la resa complessiva. La scelta dei colori può avvenire alla stregua di diversi fattori, ma se vogliamo tendenzialmente correggere dovremmo usare colori neutri, evitando i cosiddetti “falsi colori”, ovvero quelle tonalità che non sono propriamente adatte alle correzioni quali i verdi, i blu ed i rossi.

scelta-colore-ombretto

Generalmente quando si vuole ottenere un effetto poco visibile e correttivo si utilizzano colori naturali, in questo caso per colori naturali intendiamo i colori “naturalmente” presenti nel soggetto in questione, con riferimento cioè alle tonalità cromatiche di occhi, capelli e carnagione del soggetto. Solo nel caso in cui la scelta del colore degli ombretti riprenderà i colori che sono già propri del soggetto possiamo parlare di make up naturale.

In altri casi la scelta può cadere su tonalità tali da risaltare il colore dell’iride per enfatizzarlo, in questo caso sarà da evitare l’utilizzo dello stesso colore dell’ occhio per evitare un effetto che, seppur in alcuni soggetti può risultare sofisticato,  tende nella maggior parte dei casi a spegnere lo sguardo.  Per valorizzare il colore degli occhi, sarà invece preferibile fare uso della ruota cromatica ed applicare il principio dei colori complementari; se vogliamo ad esempio fare risaltare un occhio verde quindi utilizzeremo tonalità calde o rosate.

colori-primari

Altro criterio di scelta del colore di ombretto e quello di orientarsi in base ai dettami della moda, scegliendo i colori maggiormente in voga al momento. In questo caso è comunque importante fare attenzione agli accostamenti ed alle proprie caratteristiche, in quanto nella maggior parte dei casi, copiando il make up visto in una rivista o ad una sfilata su una modella, una volta realizzato su se stesse questo risulterà completamente diverso, in relazione alla struttura della palpebra ed alla morfologia del viso.

I colori che stanno bene a qualsiasi soggetto sono quindi i colori neutri, quali i bianchi, neri e marroni e sono proprio questi che ci consentono di fare eventuali correzioni in presenza di difetti da correggere, perchè questi colori consentono di creare luci, ombre e volumi a differenza di altri che seppur risultano esteticamente gradevoli da vedere, non apportano alcun significativo miglioramento all’aspetto del volto.

Massima attenzione deve infine essere fatta nella scelta del finish dell’ombretto. I colori opachi sono quelli più versatili, adatti al giorno, alla sera ed a qualsiasi occasione; quelli shimmer sono invece da evitare assolutamente sopra i 40 anni in quanto tendono ad evidenziare rughe e linee di espressione, sono sconsigliabili per la realizzazione del trucco giorno poichè la perlescenza che li contraddistingue dona un effetto che potrebbe apparire eccessivo durante il giorno. Ulteriri accorgimenti sono necessari per il trucco fotografico, in tal caso infatti occorrerà evitare assolutamente qualsiasi prodotto perlato a meno che il fotografo non utilizzi appositi filtri il trucco visto in foto apparirà slavato e con l’antiestetico effetto “a pallini”.

Lucy

  • Aru

    utilissimo questo post e davvero ben fatto! 😀

buzzoole code